.
Annunci online

sono fatta di terra e di pietre di erba di alberi e corsi d’acqua.. sono fatta di corse d’estate di risa e ginocchia sbucciate..
La SeTTiMaNa ArTisTicA [Antonello da Messina]
post pubblicato in Artisticamente Parlando, il 18 aprile 2006


antonello da messina - cristo alla colonna

Ethos ha proposto Antonello da Messina come nuovo artista per la consueta Settimana Artistica (che mi sembra abbia rallentato un po' ultimamente!). Io mi unisco al corteo postando questa opera, trovata su Wikipedia: CRISTO ALLA COLONNA. Da qualche parte ho letto che solo una cinquantina di quadri sono effettivamente di questo artista, ma mi fido di Wikipedia e spero che questo quadro sia veramente il suo (io conoscevo solamente quello postato da Ethos!)!
Ad ogni modo.. che ne pensate? A me ispira tanta tristezza, nonostante sia "appena" risorto, come ogni anno a Pasqua.
Non mi piace tantissimo la faccia che guarda il Padre, come per dire "mbè, ma erano questi i patti?".. però la Bibbia narra anche questo, se non ricordo male..
Ogni minimo particolare appare realistico ai massimi livelli e la cornice sembra adattissima per conferire quell'atmosfera obsoleta e angusta della fine del MedioEvo.

Come al solito, riporto "qualche" (per modo di dire!) dato:
-----------------------------------------------------
Antonio di Giovannide Antonio, detto Antonello da Messina (Messina 1429-30 circa - febbraio 1479). Pittore italiano.
Fonde insieme la cultura luministico-atmosferica fiamminga e la cultura prospettico-monumentale italiana. Il suo viaggio a
Venezia sarà decisivo per Giovanni Bellini e la successiva arte italiana.
Nasce tra il
1429 e il 1430 circa a Messina da Giovanni de Antonio mazonus, e da Garita (verosimilmente Margherita). Il suo primo apprendistato si svolse probabilmente tra la natia Messina e Palermo. Intorno al 1450 circa è a Napoli, dove secondo la testimonianza di Pietro Summonte, in una lettera a Marcantonio Michiel del 1524, è apprendista nella bottega del pittore Colantonio, qui viene in contatto con la pittura fiamminga, spagnola e provenzale.
Ad Antonello viene attribuita l'Annunciata, il quadro è conservato nei Musei Civici di
Como, e si rifà per stile e iconografia all'ambiente napoletano di gusto fiammingo e dieci tavolette con Beati francescani realizzate per la pala dipinta da Colantonio per la chiesa di San Lorenzo Maggiore.
La cosiddetta Crocifissione di Sibiu del
1455 circa conservata al Muzeul de Artà di Bucarest, iconograficamente riprende i Calvari fiamminghi, dello stesso anno ma successiva è la Crocifissione di Anversa, conservata al Musée Royal de Beaux Arts: nella parte bassa della tavola, l'opera è prettamente fiamminga mentre nella parte superiore, in cui la disposizione ortogonale di Cristo e dei ladroni determinano una tangibile scatola spaziale, implicano un'attenta conoscenza delle volumetria spaziale italiana. Roberto Longhi riteneva che la parte superiore della tavola fosse stata aggiunta qualche anno dopo, poiché le due matrici culturali tipiche del messinese, fiamminga e italiana, sono qui solamente accostate e non fuse.
Del
1457 è la prima commissione come maestro autonomo: un gonfalone per la confraternita di San Michele dei Gerbini a Reggio Calabria, a imitazione di quello eseguito per la confraternita messinese di San Michele a Messina. Entrambe le opere sono perdute. A questa data sappiamo che l'artista è già sposato, e probabilmente è già padre di Jacobello.
Nel
1460 il padre noleggiò un brigantino per andare a riprendere Antonello e la sua famiglia, i servi e le masserizie ad Amantea, una località calabrese. Forse l'artista tornava o da un periodo di lavoro in Calabria, o da un viaggio più lungo. Al 1460 circa gli viene attribuita l'esecuzione della cosiddetta Madonna Salting, in cui l'iconografia e lo stile fiammingo sono uniti a una maggiore attenzione alla costruzione volumetrica delle figure, impostazioni derivante da Piero della Francesca mediato dall'opera di Enguerrand Quarton. Dopo il 1460 si collocano le due tavolette di Reggio Calabria con Abramo servito dagli angeli e San Girolamo penitente, esposte al Museo Nazionale della Magna Grecia.
Nel
1461 nella sua bottega entò come apprendista il fratello minore Giordano, stipulando un contratto triennale. Nello stesso anno Antonello dipinse per il nobile Messinese Giovanni Mirulla una Madonna col Bambino (perduta).
Tra il
1465 e il 1470 circa realizza il Ritratto d'uomo del Museo Mandralisca di Cefalù. Nei ritratti Antonello, a differenza degli italiani, che utilizzavano la posa medaglistica di profilo, adotta la posizione a tre quarti, tipicamente fiamminga, che permette una più minuta analisi fisica e psicologica. Rispetto ai fiamminghi guarda meno al dettaglio ma è più attento alla caratterizzazione psicologica. Lo schema compositivo di questo ritratto verrà seguito sempre nei ritratti successivi: il personaggio è inserito in uno sfondo scuro con il busto tagliato sotto le spalle, testa girata verso destra mentre gli occhi al contrario sono fissi su quelli dello spettatore, la luce illumina il lato destro del volto mentre il lato sinistro è in ombra. Nei ritratti successivi dispose sempre uno zoccolo di marmo in basso con un cartellino dipinto con la firma e la data.
Nel
1470 circa è a Venezia dove viene in contatto con la pittura di Giovanni Bellini.
Il
Salvator Mundi è la sua prima opera firmata e datata: Mille simo quatricentessimo sexstage/simo quinto viije Indi antonellus/messaneus me pinxi, ma più probabilmente fu eseguito nel 1470. In questa opera, l'iconografia è ripresa dai fiamminghi e in special modo da Petrus Christus, nella prima stesura la veste del Cristo era più accollata e la mano benedicente parallela alla superficie, Antonello rielaborò la composizione successivamente, costruendo la piega dello scollo e tese la mano benedicente in modo da accentuare le valenze spaziali della composizione.
Tornato in Sicilia realizza il Polittico di san Gregorio.
Del
1474 è l'Annunciazione del Museo Bellomo di Siracusa, dove lo spazio non è unificato dalla prospettiva, visto che sono presenti due diversi punti di fuga, ma dalla sottile graduazione luminosa.
Dello stesso anno è il
San Gerolamo nello studio, conservato alla National Gallery di Londra. La scena, inquadrata in un arco di trionfo, è costruita in modo che i raggi luminosi coincidono con quelli prospettici, avendo come centro il busto e le mani del santo, colto al lavoro nel suo studio, ingombro di libri e di oggetti, meticolosamente raffigurati al pari della minuta indagine naturalistica degli animali posti in primo piano.
Dal
1475 inizia il suo soggiorno veneziano fino all'autunno del 1476, al centro della sua riflessione c'è la figura umana, sia in quanto anatomia, sia per quanto riguarda l'espressività, derivati dall'esperienza pierfrancescana e belliniana.
Del
1475 è l'Ecce Homo del Collegio Alberoni di Piacenza firmato e datato: 1473 Antonellus Messaneus me pinxit.
Dello stesso anno sono: La
Crocifissione della National Gallery di Londra, firmata e datata: 1475/antonellus messaneus/me pinxit, la pacata composizione è costruita in sezione aurea dove a fare da linea marcatrice sono le acque del lago, in modo da isolare maggiormente la figura del Cristo dal cerchio formato dalla Vergine e da san Giovanni; il Ritratto d'uomo della National Gallery di Londra; la Pietà del Museo Correr; il Ritratto d'uomo, detto Il Condottiero del Louvre, firmato e datato: 1475/Antonellus messaneus me pinxit; il Ritratto d'uomo della Galleria Borghese e la Madonna col Bambino della National gallery di Washington.
Tra il 1475 e il 1476 esegue la Pala di san Cassiano ora a Vienna, opera mutilata di cui rimangono la Vergine sul trono rialzato e quattro santi a mezzo busto. Il pittore si rifà allo schema compositivo della Sacra Conversazione di Giovanni Bellini per la chiesa dei Santi Giovanni e Paolo, ora perduta. L'impostazione iconografica cioè la disposizione dei santi intorno al trono rialzato della Vergine, dava maggior respiro alla composizione, ma sono gli effetti atmosferici creati dalla luce a unificare l'opera e rendere più naturali le figure proposte.
Tra il 1475 e il 1478 esegue la Pietà del Museo del Prado, la scena è inserita in un paesaggio con in primo piano teschi e tronchi secchi che simboleggiano la morte, mentre il paesaggio verdeggiante in secondo piano simboleggia la Resurrezione. L'iconografia in cui il Cristo morto è sorretto dall'angelo è di origine nordica, ma era già presente nelle opere di Carlo Crivelli; il corpo del Cristo è reso naturalisticamente, sia nel costato sanguinante che nel volto sofferente a cui fa da contrappunto la bellezza idealizzata del volto dell'angelo.
Del 1476 circa è il San Sebastiano di Dresda, parte di un trittico smembrato; in esso l'asse del dipinto è dato dalla figura monumentale del santo, accentuata dal punto di vista ribassato, ruotata leggermente a destra. L'influenza di Piero della Francesca è evidente nella disposizione matematica degli elementi, nel pavimento scorciato in prospettiva che conduce lo sguardo verso il piazzale in fondo; al contempo Antonello rifiuta la scomposizione geometrica del corpo del santo addolcendo i contorni e inserisce la scena in un paesaggio contemporaneo, popolato di figure minuscole, simile ai paesaggi monumentali che dominano la composizione caratteristici di molta pittura umbro-marchigiana (Carlo Crivelli), ma anche per la monumentalità della figura negli affreschi del Mantegna agli Eremitani.
Tra il 1476 e il 1478 esegue il Cristo alla colonna del Louvre, tavoletta realizzata per devozione privata, o a Venezia o in Sicilia.
Dopo il suo ritorno in Sicilia, realizza nel 1476 l'Annunziata di Palermo colta nel momento in cui l'angelo se n'è appena andato (oppure nel momento dell'interrogazione), dalla sagoma quasi piramidale del manto emerge il perfetto ovale del volto della vergine, l'asse della composizione è dato dalla verticale che va dalla piega dello scollo all'angolo leggio, al contrario il lento girare della figura e il gesto della mano danno movimento alla composizione. La tela è oggi esposta a Palazzo Abatellis. Dello stesso anno è il Ritratto d'uomo, detto Ritratto Trivulzio, del Museo Civico di Torino, firmato e datato, in cui l'incarnato si accorda perfettamente al colore rosso della veste.
Muore a Messina nel 1479. Nel suo testamento chiese di essere sepolto in un saio monacale. Divise la sua eredità in modo equo tra moglie e figli. La sua tomba è stata individuata a Messina nei pressi del Viale Giostra (Ritiro) in un luogo non molto distante dalla Badiazza e precisamente nella Chiesa di Santa Maria di Gesù Superiore.
Non si formò nessuna scuola di pittori dall'eredità della sua pittura, in parte Marco Costanzo capì la sua rivoluzione, ma in Sicilia rimase un caso isolato. Diversamente successe a Venezia dove da Giovanni Bellini in poi i suoi modi pittorici furono pienamente assimilati.
Gli è inoltre attribuito il Ritratto di giovane uomo della National Gallery di Washington.




permalink | inviato da il 18/4/2006 alle 13:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (38) | Versione per la stampa
Sfoglia marzo        giugno
il mio profilo
rubriche
links
tag cloud
cerca
calendario