.
Annunci online

sono fatta di terra e di pietre di erba di alberi e corsi d’acqua.. sono fatta di corse d’estate di risa e ginocchia sbucciate..
Macchina del tempo: 12 anni fa, grazieeee... sigh! [revivaaaal]
post pubblicato in Revaivaaal, il 22 novembre 2006


Questo post della Scusi sul bullismo mi ha fatto venire in mente alcuni momenti dei tre anni alle Scuole Medie.
-----------------------------------------------------
All'uscita da scuola, ad esempio, dovevamo attraversare tre righe di gradoni strani e a diverse altezze (ci siedevamo lì sopra soprattutto al lunedì nella pausa pranzo prima del rientro pomeridiano del bilinguismo), che non so come altro descriverli se non come "inutili gradoni che stranamente l'anno successivo furono tolti per evitare ulteriori danni cerebrali agli studenti o forse, molto più probabilmente, per evitare di fornire loro moventi da riformatorio".
Bene.
Ora dovete immaginarvi il compagno di classe più cretino che possa esistere sulla faccia della terra.
Fatto?
Dai, impossibile che voi non ne abbiate mai avuto uno!
Quello in classe con me (eravamo in 1^A, a.s. 1994-1995), ad esempio, era così lungo e scheletrico che sembrava fosse stato allungato dagli Umpa Lumpa come il bambino della Fabbrica di Cioccolato! Aveva una incredibile faccia da topo (non il tuo "Topo", Scusi! quello ha la T maiuscola!) e un senso dell'umorismo che faceva ridere solo lui.
Un bel giorno, il cretino di turno ebbe la folgorante idea di darmi una mega spinta giù da un gradone, facendomi cadere di faccia all'uscita da scuola, ossia davanti a tutti.
Meraviglioso.
Bella figura di merda.
La nana che si capotta da sola perchè non arriva ai gradoni?
Tra l'altro, mi feci male al polso destro, con una bella feritozza sanguinolenta.
La faccia di bronzo rimase interdetta per un attimo.
"Cazzo, l'ho fatta grossa", avrà pensato per due secondi.
Poi ha visto la mia faccia incazzosissima e ha gridato "E' stato lui!", indicando un amico che invece mi stava raccattando da terra.
-----------------------------------------------------
Si, come no.
Piccola si, "ma minchiona no", come diceva la mia prof di mate!
-----------------------------------------------------
A proposito di prof.ssa di mate... Questo tizio era talmente "sbriciola cazzunapi" che un giorno, esasperata, gli tirai un calcio sotto al banco. Quando mia madre andò al ricevimento dei genitori, la prof le disse che mi aveva vista calciare il cretino, ma che quel giorno lui aveva talmente tanto rotto gli zebedei a tutta la classe che se lo meritava e quindi non mi aveva detto nulla! :)
Ovviamente non giustifico questo modo di agire della prof, io non avrei fatto così e mi sarei punita, ma tanto per rendere l'idea...
-----------------------------------------------------
Ho voluto scrivere questo post perchè nell'ultimo periodo si parla di bullismo a scuola con toni che rasentano quelli raggiunti dopo l'unidicisettembre. Beh, io penso che il bullismo sia sempre esistito, dove più e dove meno... certo, ma anche nelle scuole che io ho frequentato, soprattutto alle medie. E, posso giurare, pur essendo una normalissima scuola di paese, aveva anche i suoi pro e contro.
I ripetenti arrivavano sgommando sui loro scassatissimi motorini, ti pigliavano per il culo per ogni minima cosa, altri si limonavano brutalmente davanti a tutti, creando un cerchio di spettatori increduli e sbigottiti intorno che nemmeno al cinema..., altri si picchiavano dandosi reciprocamente del "finocchio", insomma..
Ne avrei da raccontare, ma la migliore riguarda l'insegnante di Educazione Fisica che se si incazzava con te ti cavava la scarpa e la gettava dall'altra parte della palestra, che quando gli girava storta entrava all'improvviso nello spogliatoio delle femmine solo per dire "Allora? ... perchè vi nascondete nelle docce quando entro? Perchè siete ancora in mutande e senza divisa?!"
... ooooh, le divise di educazione fisica... Quelle orribili maglie acriliche double face rosse e blu, con le righette bianche come attaccatura delle maniche (lunghe, anche d'estate, ovvio), e quei meravigliosi pantaloncini neri acrilici (corti, anche d'inverno, ovvio) che ti facevano fare le scintille ogni volta che cadevi di culo...
Che bei ricordi..
Occhei, smetto di tediarvi con il mio revivaaaal che mi sa tanto di vecchiume!




permalink | inviato da il 22/11/2006 alle 15:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (24) | Versione per la stampa
Sfoglia ottobre        dicembre
il mio profilo
rubriche
links
tag cloud
cerca
calendario